Ho fatto sesso col tassista

Ciao a tutti mi chiamo Arianna e ho 30 anni, sono felicemente fidanzata e lavoro come segretaria in uno studio medico. Sono stata sempre fedele al mio ragazzo, anche perché il sesso tra noi va davvero a gonfie vele, ma una sera qualcosa in me è cambiata e il mio lato da troia è uscito fuori completamente, non mi vergogno di ciò che ho fatto, ho capito che provare nuove esperienze sessuali è una cosa bellissima e non mi sento nemmeno in colpa. Spesso ho condiviso le mie esperienze trasgressive facendo visita su siti di racconti hard.

Il mio ragazzo lavora come rappresentante e spesso è fuori per lavoro, una sera quando appunto lui era fuori città, stavo tornando a casa dopo aver fatto la spesa, ma ad un certo punto la mia auto si guasta e non ne voleva più sapere di ripartire. Mi trovavo in una strada limitrofa, l’unica cosa da fare era chiamare un taxi.

Dopo circa mezzora arriva finalmente questo taxi, l’autista un bel uomo sulla cinquantina, mi aiuta gentilmente a caricare tutte le buste della spesa nel suo cofano, da subito notai che mi guardava con aria interessata, forse perché ero vestita molto sexy con minigonna e stivali. C’era un bel po’ di strada da fare fino a casa mia, il tassista tra una domanda e l’altra mi fissava sempre di più dallo specchietto retrovisore, iniziava a piacermi questa cosa, tanto che facendolo apposta aprivo le gambe cosi ammirava i miei slip di pizzo nero. Ho sempre stuzzicato gli uomini per puro divertimento ma come ho detto prima, di tradire il mio fidanzato non ci avevo mai pensato.

Dopo aver percorso un bel po’di strada mi accorgo che avevo dimenticato il portafoglio nel cruscotto della mia auto, dico al tassista che non avevo portafoglio con me, lui subito mi dice che non c’è problema che un modo si trovava per pagarlo.

Ad un certo punto il tassista cambia strada e si immette in una specie di camporella, domando dove stava andando ma lui dice di stare tranquilla, ad un certo punto spegne l’auto e scende dalla macchina, tira fuori il suo cazzo e me lo porge dal finestrino aperto visto le alte temperature estive. Io sinceramente non sapevo che fare, ma ero tutta eccitata, mai nessun uomo mi aveva trattato così, mi sentivo sempre più zoccola, il tassista mi ripeteva, pagami zoccola, pagami così! ad un certo punto mi avvicino con la bocca al suo membro e inizio a fargli un pompino, avevo la figa fradicia era tutta un lago.

Subito dopo lui con molta foga apre lo sportello mi tira fuori e mi appoggia sopra il cofano, non mi tolse nemmeno gli slip ma le spostò solamente.

Senza nemmeno preservativo inizia a spingere il suo grosso cazzo dentro la mia figa in fiamme, stava succedendo, stavo tradendo il mio ragazzo per la prima volta e per di più con un uomo molto più grande di me. Mi chiamava puttana, zoccola, troia! la cosa mi arrapava da morire, ansimavo dal piacere, mi chiedeva continuamente se desideravo la sua sborra in bocca, io gli dicevo di si. Mi prese in diverse posizioni e per finire prima di sborrarmi in bocca, mi spalanca le gambe e mi lecca la figa con veemenza. Subito dopo mi riporta a casa come se nulla fosse e mi ringrazia pure per la scopata.

Da quel giorno la mia vita è cambiata, poiché sono sempre alla ricerca di nuove esperienze erotiche, ultimamente prendo sempre il taxi con la speranza che mi ritrovo un altro tassista maiale che mi faccia godere più del precedente.

Tags:

Leave a Reply